Contatore sito

taccuini - naturalmenteveneto

Vai ai contenuti

Menu principale:

taccuini

NEL DELTA DEL PO, TRA IL RISO
Partiture d'acqua e di riso

Come concentrati direttori d'orchestra, le albanelle minori guidano, leggere, cori di venti. Attraversano note di riso e righi d'acqua, ripetendo più volte gli stessi percorsi.
Avanzano su incomprensibili partiture, poi si rizzano nei campi arati come chiavi di sol. E subito riprendono a ritmare voci misteriose con ampi gesti di braccia e dita sottili. 
Mentre l'orchestra dondola e tintinna tra i chicchi, tendo l'orecchio per percepirne la sinfonia, sempre troppo lontana. 
I CUSTODI DELLA VAL VISDENDE (COMELICO)
Giganti in punta di piedi

Quella notte i residenti della valle udirono dei boati, come dei passi di gigante, che avanzavano prima piano, poi più veloci. Sembrava che andassero a ritmo e ricordavano una indefinita melodia dolce e triste. Tutto durò il tempo di qualche attimo, poi d'improvviso i passi s'interruppero, come se i giganti fossero rimasti in punta di piedi...
ALI AL TRAMONTO ATTORNO A LIO PICCOLO (lAGUNA DI VENEZIA) 
Sagome fluttuanti nel cielo

Sagome sempre più scure continuano a fluttuare in un sempre più stretto arco di cielo. Sono gabbiani comuni, corallini e reali, sterne e fraticelli, pittime minori e cavalieri d'Italia. Non sembrano voler ancora arrendersi alla fine del giorno e decidersi a riposare un poco. Fin dalle prime luci dell'alba hanno cercato e portato cibo ai loro piccoli, scrutato le insidie dal cielo, lanciato versi d'allarme, inseguito ogni possibile predatore e rivale, cercato, invano, di allontanare turisti curiosi. Ora che è quasi buio, piano a piano le voci si attenuano, i piccoli sonnecchiano sotto l'ala protettiva di un genitore. Ma le sagome continuano a fluttuare, la mia mente le insegue, gli occhi faticano. 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu